Yoga time: “Om” “All’inizio era la parola, e la parola era Dio” Giovanni I, I

Una grande storia d’amore
24 Ottobre 2017
I Guerrieri: fluire con coraggio e gioia
2 Gennaio 2018

Lo Swami di Chindamdaram disse a Yeats-Brown: ‘OM. Ripeta il suono. Sarà la sua parola di potenza. Si concentri su questa parola che esiste fin dall’inizio di tutto.’

‘Come concentrarmi? Om non ha nessun significato per me. È un suono piacevole, nulla di più.’
‘Per ora non deve esprimerle nulla. Si concentri semplicemente su questo suono piacevole, considerato come il verbo per il quale i mondi furono creati, la radice di ogni lingua. Agirà nel suo inconscio che lei lo voglia o no.’

Con queste parole lo Swami vuole sottolineare l’ importanza fondamentale che gli Yogi attribuivano a questo misterioso vocabolo. Ovunque in India, questo suono assieme al profumo d’incenso a base di sandalo, il dhoop, accompagna il viandante nei templi, negli ashrams.
L’ Om apporta molteplici vantaggi sia sul piano fisico che mentale. Infatti, oltre al suo aspetto esoterico, le più recenti ricerche di fisiologi occidentali confermano che queste vibrazioni producono effetti importanti sulle ghiandole endocrine. Il dott. Leser-Lasario ha stabilito con assoluta certezza scientifica che l’emissione di vocaboli durante l’espirazione provoca un auto massaggio degli organi interni migliorandone il funzionamento. Queste vibrazioni raggiungono i tessuti più interni e le loro cellule nervose nei quali migliora la circolazione sanguigna. Le ghiandole ipofisi, tiroide, timo, surreni, pineale e gonadi sono beneficamente stimolate. La muscolatura dell’apparato respiratorio viene fortificata e rilassata. La respirazione si amplia aumentando di conseguenza l’apporto di ossigeno nel sangue ed in tutto l’organismo. Anche il sistema nervoso non sfugge all’effetto delle vibrazioni vocali. Infine siamo sicuri di aver vuotato completamente i nostri polmoni dall’aria residua carica di tossine e anidride carbonica.
Effetti sulla mente:
Libera l’inconscio da inibizioni, depressioni e complessi di inferiorità. I processi di formazione delle frasi vengono inibiti, la tensione nervosa si allontana e si ritrova la calma.