Inizia a fare il necessario…

HappYoga 8 Giugno 2017
26 Maggio 2017
Una grande storia d’amore
24 Ottobre 2017

Come la vita ci insegna, la natura è paradosso. Quante cose ci sono sembrate impossibili nel corso dell’esperienza della nostra vita? Eppure, a ripensarci oggi, alcune di quelle stesse cose ad oggi non solo sono diventate possibili, ma magari addirittura semplici.

Ricordo che da piccola andavo spesso ad Ascoli Piceno, città natale di mio padre. E tutte le volte che arrivavamo in città gli chiedevo se faceva la strada del lungo fiume. Quella strada terminava dopo una vertiginosa discesa tutte curve, con una super-salita ed in cima alla salita c’era una porta. Una di quelle porte antiche, imponente e… terribilmente stretta. Io la vedevo così. E tutte le volte che mio padre stava per passare di li, accelerando con la macchina, a me sembrava una cosa impossibile, e l’adrenalina mi saliva a mille. Sapete cosa ho fatto appena presa la patente? Ho rifatto quella stessa strada. Mi sembrò la cosa più semplice del mondo. Così altre cose.

La nostra natura, ci porta a migliorarci in continuo, a maturare, ad aumentare le nostre esperienze; ed ancora la natura ci insegna che tutto ha un suo tempo. Se pianto un seme oggi, dovrò aspettare che il tempo porti a maturazione il seme, per far nascere il germoglio, e poi la pianta, il fiore.. e solo infine il frutto. Ma se non pianto il seme, quel frutto non potrò mai raccoglierlo. La nostra cultura occidentale ci porta a studiare infinite teoremi… ma tutto il sapere del mondo rimane effimero se non affiancato dal fare… Per cui inizia! Immergiti nel fango, sporcati le mani… agisci!

INIZIA A FARE IL NECESSARIO... piano piano ti ritroverai a fare CIO’ CHE E’ POSSIBILE…Continua… IMPROVVISAMENTE STARAI FACENDO L’IMPOSSIBILE! Goethe nel secondo Faust fa dire alla veggente Manto: "Amo chi aspira all'impossibile" e nelle Massime in prosa scrive ancora: "Vivere nell'idea significa considerare l'impossibile come se fosse possibile ".

Necessario, possibile, impossibile… Quante volte vi sarà capitato anche di sentire la frase “è stato fatto tutto il possibile”? Ma c’è una netta differenza tra il necessario o il possibile. Prima di fare tutto il possibile, è stato fatto tutto il necessario? La scorsa settimana stavo preparando una conferenza..mi sono chiusa in casa per quattro giorni, ma allo stesso tempo, c’erano delle cose che bisognava continuare a fare tipo innaffiare i fiori se non volevo che morissero.

Ho fatto il necessario per mantenere in vita le piante… Non tutto il possibile… Hhhmmmmm, se avessi fatto il possibile, probabilmente non avrei probabilmente studiato, preparato la conferenza e neppure le slide. Ciò che è necessario, è essenziale! E l’essenziale è necessario, bisogna portarlo a termine in ogni modo, ma il necessario è soggettivo.

Personalmente cerco di compiere tutto il necessario, e questo mi consente di avere a portata di mano ciò che è possibile…fino a rendere poi l’impossibile possibile… e poi se ora penso sia impossibile una cosa, perché sprecare tempo e forze su cose impossibili? … ma poi accade qualcosa.. ed ecco li realizzato qualcosa che fino a ieri mi pareva l’impossibile! Cosa è successo?? Semplice! Ho iniziato seriamente a fare tutto il necessario, che mi ha fatto affrontare con serena volontà il possibile…così sono riuscita a fare qualcosa che poco prima mi sembrava impossibile!!!

“Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa.” A.E.